venerdì 2 marzo 2018

Nella capitale lettone nasce RIBOCA – nuova Biennale Internazionale d'Arte Contemporanea di Riga

Team di RIBOCA. Foto: Elena Spasova

Apre al pubblico il 2 giugno e dura fino al 28 ottobre 2018

RIBOCA (Biennale Internazionale d'Arte Contemporanea di Riga) ha annunciato le sei sedi principali che ospiteranno l'edizione inaugurale della Biennale. La maggior parte degli spazi è raggiungibile a piedi in venti minuti l'uno dall'altro, in un affascinante percorso che consente non solo di calarsi nell’atmosfera dell’arte contemporanea ma anche di scoprire le bellezze architettoniche e la storia della capitale baltica.
Il titolo della Biennale “Everything Was Forever, Until It Was No More” (È stato per sempre, fino a quando non è finita) è preso in prestito dal libro omonimo di Alexei Yurchak. Il testo parla del crollo dell'Unione Sovietica e del sentimento che ha accompagnato questo evento: nonostante il sistema sovietico sembrasse incrollabile, la sua fine è stata percepita come un qualcosa di molto naturale. Le persone hanno percepito solo in seguito lo shock dei grandi cambiamenti.
Proprio quest’anno si celebra il centenario dell’Indipendenza di tre paesi baltici: Estonia, Lituania e Lettonia.

RIBOCA è stata fondata da AgniyaMirgorodskaya, una giovane appassionata di arte contemporanea, che vede la Biennale come una nuova piattaforma globale per artisti del Baltico e internazionali.
Capo-curatore è Katerina Gregos, nata ad Atene, una storica d’arte e scrittrice, ex direttrice di Art Brusselles, che dal 2006  vive a Bruxelles. Ha curato il padiglione belga alla 56^ Biennale di Venezia.

 
Ex Facoltà di Biologia, Università della Lettonia, una delle sedi RIBOCA

Ex fabbrica tessile Bolshevichka, una delle sedi RIBOCA

Contatti:

International PR
Pelham Communications
Alice Haguenauer, Mary Doherty
alice@pelhamcommunications.com; mary.d@pelhamcommunications.com
+44 20 8969 3959

Local PR
Inese Dabola, responsabile della comunicazione RIBOCA
inese@rigabiennial.com
+371 29 147 722

Social e media:

 






Nessun commento:

Posta un commento