giovedì 12 dicembre 2019

And suddenly it all blossoms. RIBOCA2. Biennale Internazionale d'Arte Contemporanea di Riga in Lettonia

Alex Baczynski-Jenkins, Until a thousand roses bloom (with Warsaw in the background), 2018, Courtesy the artist and Foksal Gallery Foundation. Photo Spyros Rennt

Inaugurazione: Giovedi 14 maggio - Venerdì 15 maggio, 2020

Apertura al pubblico: Sabato, 16 maggio - Domenica 11 ottobre 2020

a cura di Rebecca Lamarche-Vadel

La BiennaleInternazionale d'Arte Contemporanea di Riga (RIBOCA) in Lettonia ha annunciato il titolo ed i partecipanti per la sua seconda edizione. Intitolata  and suddenly it all blossoms, RIBOCA2 è a cura di Rebecca Lamarche-Vadel e avrà luogo dal 16 maggio fino a 11 ottobre 2020.

Il concetto della Biennale è re-incanto sia come una cornice per comprendere il presente sia come la mentalità per sviluppare un futuro desiderabile. Prendendo in prestito per il titolo un verso della poetessa Lettone Māra Zālīte (nata nel 1952), RIBOCA2 reinventa modi di essere ed esplora nuovi percorsi per relazionarsi tra gli esseri umani. Offrendo le alternative ai racconti apocalittici, RIBOCA2 scaglia una pietra contro il cinismo e la disperazione politica, trasformando la paura in opportunità e il pericolo in vitalità.

Il progetto trae l’ispirazione dalla storia di Riga, della Lettonia e degli Stati baltici, dove “i mondi sono finiti” molte volte cominciando dal 13 ° secolo, attraverso un flusso di occupazioni, guerre e crisi economiche. Nonostante questi traumi, la solidarietà tra le persone è stata mantenuta per secoli attraverso la poesia scritta e orale, attraverso il riconoscimento dei ritmi celesti e delle pratiche di guarigione. Il titolo della mostra si collega anche alla tradizione lettone delle dainas, una forma poetica di resilienza. Queste brevi poesie, principalmente create da donne, sono oggetti dei temi centrali per la Biennale.

Circa 85% delle opere commissionate saranno realizzate in stretta collaborazione con gli artisti e comunità locali. La Biennale riunisce gli artisti, i creativi ed intellettuali che rispecchiano le prospettive locali e globali. Circa 60% di artisti provengono dalle regioni  del Baltico (tra cui Danimarca, Estonia, Finlandia, Germania, Lettonia, Lituania, Polonia, e Russia) in dialogo con altri artisti provenienti da Argentina, Austria, Belgio, Croazia, Francia, Grecia, Italia, Messico, Norvegia, Svizzera, Regno Unito e Stati Uniti.

Per tutta la sua durata, la mostra sarà arricchita da conferenze, workshop, eventi e spettacoli pensati in collaborazione con curatore associato Sofia Lemos, con la partecipazione di: il poeta CAConrad, il filosofo Emanuele Coccia, storico Lorraine Daston, filosofo Vinciane Despret, ricercatore Monica Gagliano, antropologa Anna Lowenhaupt Tsing, filosofo Beatriz Preciado, antropologa Tobias Rees, e sociologo Boaventura de Sousa Santos.

International PR 
Pelham Communications 
Alice Haguenauer or Lily Bryant 
+44 20 8969 3959 

Baltic PR  
Laura Adamovicha, Communications Department, RIBOCA 
+371 26579378

Nessun commento:

Posta un commento