giovedì 12 aprile 2012

POETI SIRIANI XIII



















Bandar Abdul Hamid

Una luce lontana
Gli uccelli tagliano l’orizzonte
rincorrono il sole
che di frequente
tramonta
voci di cannoni
che soffocano il respiro...
Lupi, lupi,
dai vecchi percorsi
fino alla sorgente
noi scuotiamo la testa,
in silenzio,
attendiamo il tè e i miracoli,
a volte l’amore.
Tra le tue mani e le mie,
la distanza che c’è tra la carta bianca
e le penne aperte
nell’oscuro tunnel.
Tu giochi col fuoco,
pagherai un caro prezzo
se dirai al ladro:
o ladro,
come stai sentimentalmente?
C’è una luce lontana
in fondo all’oscuro tunnel
leggiamo e scriviamo
nel buio,
dalle formiche impariamo
a trovare la strada
e risalire il baratro.
Una candela si spegne
nei pressi della porta,
la riaccendiamo con un’altra candela,
il buio soverchia
nel grande tunnel del deserto,
i sogni e le ali spezzate
degli abitanti dei rifugi e dei coloni,
nell’era dei crolli e dell’Aids
e della falsa democrazia,
del sesso animale,
sono nelle strade morte.
Tè, tè,
per i cuori stanchi,
per gli occhi beduini
e le labbra ardenti.
Tè per gli uccelli,
per le tartarughe e le zebre,
per i bambini di strada.
Le notizie del mondo,
nei giornali del mondo,
a volte
le parole sono prive di senso,
o, bella primavera.
E’ una verità amara
l’amore sulla sabbia,
io migro nel luogo
e tu
perdi coscienza
ci incontreremo in qualche stazione,
siederemo sui binari,
parleremo della madre patria,
terra di latte e miele,
di colpi di stato militari
nell’epoca pre-islamica.
Si è placata la tempesta,
ma il fuoco è sotto la cenere,
i bambini che stanno imparando a camminare,
a bere il tè,
ci guardano con rabbia,
ci accusano di stupidità
e dittatura.
Tè, tè,
tè, pane e libertà,
in questo momento,
all’inferno tutte le altre cose.
Questo è l’inizio della primavera,
tra poco
arriverà l’estate e l’amore,
sono passati lunghi anni
e noi ci siamo smarriti
in queste strade deserte,
non abbiamo colto fiori nei campi,
non abbiamo visto il sole
tramontare
al di là del mare.
Il venditore ambulante
riempe le strade di grida,
nessuno ascolta,
nessuno compra,
nessuno sa
che cosa accadrà domani
in un’ora come questa
in questo lungo
tunnel buio...!
Tradotta dall’arabo da Fawzi Al Delmi; tratta dall’antologia, Selected Poems- Syria, Italy, Sweden, a cura di Khaled Soliman – Al Nassiry, Fawzi al Delmi, Jasem Mohamed, edita da COSV (Italy), Baghdad Café for Poetry and Music (Sweden), and Al Makan Art Association (Syria), in collaboration with Al Mutawasit (Cultural Exchange& reading development).
Bandar Abdul Hamid è’ nato nel 1947 in un villaggio beduino nei pressi di Hasaka dove rimane
fino al termine della scuola superiore. Si trasferisce poi a Damasco nei primi anni settanta,
qui frequenta l’università e si laurea in lingua araba. Bandar Abdul Hamid lavora come
capo redattore alla rivista Vita del Cinema pubblicato dal ministero della cultura siriano.
Scrive sulle pagine culturali di vari giornali arabi occupandosi di cinema. Ha pubblicato il
libro “Cinema magico” oltre a numerose raccolte di poesia e al romanzo “Il mulino nero”
del 1984.

Nessun commento:

Posta un commento