giovedì 8 marzo 2018

Mediterraneo. Lo Specchio dell’Altro. Asta d’arte contemporanea in collaborazione con Sotheby’s


28 marzo 2018, Milano, Palazzo Reale, Piazza Duomo 14
Promossa da Arturo Schwarz, curata da Gloria Gatti
Con il Patrocinio del Comune di Milano

Programma
mercoledì 28 marzo
ore 18.30 Cocktail ed Esposizione delle opere

Interviene Alberto Orioli - Vicedirettore de Il Sole 24 ORE
Introducono Arturo Schwarz e Gloria Gatti
Batte l’asta Filippo Lotti - Amministratore Delegato di Sotheby’s Italia
Presiede Janiki Cingoli - Presidente CIPMO
a seguire Asta


L'Asta benefica d'Arte Contemporanea per CIPMO, giunta alla sua VI Edizione, sosterrà lo sviluppo del progetto di educazione alla cittadinanza “Mediterraneo. Lo Specchio dell’Altro”, basato su una rete di Istituti Superiori Italiani che dialogano con Istituti di Paesi della Sponda Sud del Mediterraneo (Giordania, Israele, Palestina, Marocco, Tunisia). Attivo già da cinque anni con Istituti Superiori milanesi, nel 2018 il progetto si amplia sul territorio nazionale coinvolgendo anche 6 Istituti romani e altri 6 del Sud Mediterraneo. I protagonisti sono gli studenti italiani e mediterranei, coordinati dai rispettivi insegnanti, che, attraverso uno “scambio virtuale”, partono da una comprensione ravvicinata delle rispettive vite quotidiane giungendo ad una percezione comune dei processi in corso nella realtà mediterranea e mediorientale.

“E’ il quinto anno che alcune classi del nostro liceo partecipano alle attività che il CIPMO propone. Il progetto apre ai nostri studenti e docenti una finestra sul mondo attraverso convegni internazionali e soprattutto con un network tra scuole. Con classi di licei dei paesi della regione mediterranea i nostri ragazzi hanno la possibilità di avere un confronto concreto con altre culture, di riflettere insieme su temi importanti e di collaborare a un progetto condiviso scelto - di anno in anno - dai docenti delle scuole coinvolte” (Alessandra Caponio e Adele Neri, docenti del liceo "Primo Levi" di San Donato Milanese).

Opere di prestigiosi artisti italiani e internazionali: Luisella ABBONDI, Massimiliano ALIOTO, Vittorio AMADIO, Tommaso ARSCONE, Enrico BAJ, Maryam BAKHTIARI, Gian Paolo BARBIERI, Mirko BARICCHI, Gianni BERENGO GARDIN, Albino Rodolfo BOFFI, Diego BOIOCCHI, Carlo BORLENGHI, Alessandro BUSCI, Silvia CAMPORESI, Rob and Nick CARTER, Mario CEROLI, Sandro CHIA, Giovanni CHIARAMONTE, Judith COHEN, Eleonora C. COLLINI, Paolo COLLINI, Luciano DE LIBERATO, Enrico DELLA TORRE, Alessandro DI VICINO GAUDIO, Alina Elena DITOT, Pablo ECHAURREN, Rosa Maria FALCIOLA, Elia FESTA, FRANCINO, Giovanni FRANGI, Ruggero GABBAI, Omar GALLIANI, Federico GARIBALDI, Gianluigi GIOVANOLA, Riccardo GUSMAROLI, Fathi HASSAN, Maurice HENRY, Pina INFERRERA, Emilio ISGRÒ, Andrea JACCHIA, Margherita LEVO ROSENBERG, Lydia LORENZI, Alberto LORO, Teresa MARESCA, Veronica MENGHI, Maria MULAS, Izumi ŌKI, Alessandro PAPETTI, Antonio PARADISO, Francesco PATRIARCA, Guido PERUZ, Luca PIGNATELLI, Tiziana PRIORI, Lorenzo PUGLISI, Gianluca QUAGLIA, Mario RACITI, RAUL GABRIEL, Tobia RAVÀ, Michael ROTONDI, Ashkan SADEGHI, Antonio SALVADOR, SALVO, Roberta SAVELLI, Dado SCHAPIRA, Lapo SIMEONI, Fabio Rafael SOTO, Pietro SPICA, Matteo SUFFRITTI, Franco SUMMA, Lolita TIMOFEEVA, Sandro VISCA, Caterina VOLTOLINI.

Il Centro Italiano per la Pace in Medio Oriente (CIPMO) da 29 anni promuove il dialogo in Medio Oriente e la cooperazione euro-mediterranea, offrendo le sue competenze a istituzioni, enti governativi ed imprese per aiutarli a conoscere più a fondo le radici delle nuove problematiche che legano le sponde Sud e Nord del Mediterraneo.
La disponibilità di una grande casa d’asta come Sotheby’s, la generosità di tanti artisti e collezionisti e galleristi, hanno reso possibile questa asta.



Per i dettagli delle opere è consultabile la galleria fotografica 

Informazioni:
CIPMO – Centro Italiano per la Pace in Medio Oriente
e-mail asta@cipmo.org
Tel +39 02 866 147

Una delle opere all'Asta (Lolita Timofeeva "Labor alchymicum 25")


mercoledì 7 marzo 2018

Alexandra Wolff Stomersee. Psicoanalisi e femminismo nell’età di Freud. Palermo-Riga-Vienna.


Conferenza e Workshop

12-16 marzo 2018
Palazzo Fernandez
Accademia di Belle Arti di Palermo

Una riflessione contemporanea su due grandi personalità: Giuseppe Tommasi, Duca di Palma e Principe di Lampedusa (Palermo, 23 dicembre 1896 – Roma, 23 luglio 1957) e Alexandra  Wolff Stomersee (detta Alessandra/Licy; Nizza, 13 novembre 1894 – Palermo, 22 giugno 1982) sullo sfondi di 100 anni di storia è il tema centrale del progetto che ripercorre il loro incontro e personale creatività. Questo viaggio che ci porta al periodo tra le due grandi guerre sulle tracce di due importanti nomi per la Lettonia e l’Italia, rappresenta una perla preziosa tra gli eventi celebrativi dei 100 anni d’indipendenza della Repubblica  di Lettonia.

Non è vero che le persone fanno la storia?
Il progetto prevede un ciclo di iniziative che si svolgano dal 12 al 16 marzo all’Accademia di Belle Arti di Palermo, partner principale e sede ospitante di tutti gli eventi del progetto.
Gli studenti lettoni, austriaci e italiani provenienti dalle istituzioni partecipanti sono i protagonisti di workshop interdisciplinari che abbracciano più materie di studio tra cui design, pittura, psicoanalisi e letteratura. Il lavoro degli studenti è l’elemento fulcro per rafforzare la memoria culturale dei nostri paesi e costruire un ponte tra le generazioni. Nel XX secolo la storia dell’Europa si scrive così una nuova importante pagina sulle relazioni tra la Lettonia e l’Italia a coronamento di 100 anni di amicizia.
Il 16 marzo a Palazzo Fernandez, sede di Accademia di Palermo, si tiene una conferenza su Alexandra  Wolff Stomersee, alla presenza di Sindaco di Palermo Leoluca Orlando, e dell’Ambasciatore della Lettonia, Artis Bertulis. Tra i relatori, i più alti rappresentanti e docenti delle istituzioni coinvolte e Gioacchino Lanzi Tommasi che farà un intervento su psicoanalisi e femminismo e sulla figura di Alexandra  Wolff Stomersee. Al termine della conferenza saranno presentati i lavori realizzati dagli studenti durante le sessioni di workshop.
Un programma di iniziative su arte, storia e analisi di due grandi personalità che hanno unito due importanti paesi. Lo scrittore italiano Giuseppe Tommasi di Lampedusa, autore del celebre romanzo Il Gattopardo e la baronessa lettone Alexandra  Wolff Stomersee, originaria di Stomersee/Stāmeriena in Lettonia, studiosa di psicoanalisi e rifondatrice, insieme a Cesare Musatti, della SPI (Società psicoanalitica italiana) nel 1946.
Il progetto, nato su iniziativa dell’Ambasciata della Lettonia in Italia, è realizzato in collaborazione con l’Accademia di Belle Arti di Palermo e l’Università Sigmund Freud di Vienna. Hanno inoltre contribuito: il Ministero degli Affari Esteri della Lettonia, la Biblioteca Nazionale lettone, l’Archivio Storico Nazionale lettone e il programma Erasmus+.
La Conferenza fa parte del programma di eventi di Palermo Capitale Italiana della Cultura 2018.

Per le informazioni sul programma si prega di contattare L’Ambasciata della Lettonia embassy.italy@mfa.gov.lv, tel. 06 8841227



venerdì 2 marzo 2018

Nella capitale lettone nasce RIBOCA – nuova Biennale Internazionale d'Arte Contemporanea di Riga

Team di RIBOCA. Foto: Elena Spasova

Apre al pubblico il 2 giugno e dura fino al 28 ottobre 2018

RIBOCA (Biennale Internazionale d'Arte Contemporanea di Riga) ha annunciato le sei sedi principali che ospiteranno l'edizione inaugurale della Biennale. La maggior parte degli spazi è raggiungibile a piedi in venti minuti l'uno dall'altro, in un affascinante percorso che consente non solo di calarsi nell’atmosfera dell’arte contemporanea ma anche di scoprire le bellezze architettoniche e la storia della capitale baltica.
Il titolo della Biennale “Everything Was Forever, Until It Was No More” (È stato per sempre, fino a quando non è finita) è preso in prestito dal libro omonimo di Alexei Yurchak. Il testo parla del crollo dell'Unione Sovietica e del sentimento che ha accompagnato questo evento: nonostante il sistema sovietico sembrasse incrollabile, la sua fine è stata percepita come un qualcosa di molto naturale. Le persone hanno percepito solo in seguito lo shock dei grandi cambiamenti.
Proprio quest’anno si celebra il centenario dell’Indipendenza di tre paesi baltici: Estonia, Lituania e Lettonia.

RIBOCA è stata fondata da AgniyaMirgorodskaya, una giovane appassionata di arte contemporanea, che vede la Biennale come una nuova piattaforma globale per artisti del Baltico e internazionali.
Capo-curatore è Katerina Gregos, nata ad Atene, una storica d’arte e scrittrice, ex direttrice di Art Brusselles, che dal 2006  vive a Bruxelles. Ha curato il padiglione belga alla 56^ Biennale di Venezia.

 
Ex Facoltà di Biologia, Università della Lettonia, una delle sedi RIBOCA

Ex fabbrica tessile Bolshevichka, una delle sedi RIBOCA

Contatti:

International PR
Pelham Communications
Alice Haguenauer, Mary Doherty
alice@pelhamcommunications.com; mary.d@pelhamcommunications.com
+44 20 8969 3959

Local PR
Inese Dabola, responsabile della comunicazione RIBOCA
inese@rigabiennial.com
+371 29 147 722

Social e media: