giovedì 16 novembre 2017

Latvian artist Lolita Timofeeva exhibits in Naples for the Centenary of the Republic of Latvia

From 27 October to 2 December 2017, Castel dell’Ovo in Naples will be hosting the exhibition Opus Alchymicum: a personal show of work by the alchemical Latvian artist Lolita Timofeeva, representative poet of the metaphysical dimension in the world and of the archetypal symbolism of the surrounding reality.
Under the aegis of the Embassy of the Republic of Latvia in Italy and the Honorary Consulate of Latvia in Naples, the exhibition has been organized by Kengarags in collaboration with Naples city council’s Office of Culture and Tourism and the Fondazione La Verde La Malfa, jointly promoted by Touring Club Italiano di Territorio di Bologna and curated by Giorgio Agnisola.
The exhibition is sponsored by the Fondazione La Verde La Malfa, ITALò, Occitane Voyages, Berengo Studio and Enhars.
The exhibition, held to coincide with celebrations to mark 100 years of independence of the Republic of Latvia (on 18 November 2018), will show for the first time in Naples about 100 works of art including paintings, drawings, sculptures, installations and a short film; they are the expression of an idea that first came to the artist during her first visit to Naples in 2005, when she visited the Cappella Sansevero and became interested in the Hermetic philosophy of Raimondo di Sangro (Torremaggiore, 1710 – Naples 1771), the seventh prince of Sansevero, inventor, alchemist, scholar, and the creative mind behind this noble building.
Fascinated by the esoteric aspect of the Cappella Sansevero, Lolita Timofeeva developed a new way of creating, accompanied by deeper insights into her being, through analysing the images of dreams, nightmares and hallucination.
Vivid colours, dark atmospheres and evocative characters fill every work in the show. Time and space are linked, suspended in silence, transporting the viewer to a surrealist dimension. Labor alchymicus 29, mixed media on canvas, created in 2009, best represents the complete transfiguration of the real in parallel with two distinct, but similar looking, realities. This is how Timofeeva manifests an existential tension between meaning and non-meaning in life. Her quest for mysterious models and settings, open to the silence of what lies beyond, identifies a language of an interrogatory life, a gaze into the limits and reasons of existence.
Although there is a strong emotional charge and a subtle eroticism in Lolita’s work, what emerges is not emotional but methodical, like an expression developed in stages, in varying contexts and chapters, where the end of one trajectory leads to the beginning of another, stimulating interpersonal communication.
In her work – through which she develops a narrative that involves viewers in a syntactic performance – Timofeeva variously takes on the guise of a high priestess, a dispenser of life-force and seeker of the absolute, as in Labor alchymicus 1, created in 2007, mixed media on canvas. There is a degree of playfulness in this reflection of the soul: it is often provocative, but at the same time tender and delicate, as when someone tries to cover their own deep secret with a smile.
Opus Alchymicum is therefore an exhibition that invites viewers to experience their own mystical dimension, a “Nosce te ipsum” (from the Latin meaning “know yourself”), not from a religious or mystical point of view, but an intensely introspective one. And this is the true meaning of alchemy and Hermeticism. Alchemy, in fact, did not set out to solve a problem of chemistry but rather a spiritual one. In knowing herself better, Timofeeva has achieved greater confidence and freedom enabling her to cross the many boundaries of figurative representation.
The project starts from a powerful stimulus – amazement at encountering outside herself something that the artist had cultivated in her inner self, a possible answer to the most profound questions.
As Timofeeva says, “The term Opus Alchymicum refers to the work of the mediaeval alchemists, the precursors of modern chemistry, regarding the final aim of their investigations, which was to produce ‘gold from mystical enlightenment’, that is, what urged them to delve further into the art”. A true conceptual revolution, therefore, that arose out of a desire to find an answer to certain stimuli in a reactive and interactive way.
This major exhibition at Castel dell’Ovo therefore represents a significant stage in this human and spiritual journey, from which a less visible and less well-known dimension of the city will emerge. It will not be the sun-soaked vibrant Naples that we know, but one that is more hidden and subterranean, as it appears in the Cappella Sansevero.
Two events planned to coincide with the exhibition will help visitors to understand the oneiric dimension of Lolita Timofeeva’s work: at the Casina Pompeiana in the Villa Comunale, on 18 November (17.30), museologist and art historian Maurizio Vanni will give a talk on Visual Art from Esotericism to Symbolism: from Lascaux to Dali; on 2 December (at 17.30), Martin Rua will present Schischok, written by the Joana Karda collective (to which the artist herself belongs, as well as the writers Claudia Mitri and Vanessa Piccoli).  The Honorary Consul of Latvia in Naples Roberto Berni Canani will also be present on this occasion.


BIOGRAPHY
Lolita Timofeeva was born in Riga, Latvia. She came to live in Italy in 1991. In 1997, she represented Latvia with a one-man show at the 47th Venice Biennale. She currently works between Bologna, Riga and Catania. She is academy trained. Her investigations have gone through various stages that have led her to alchemical symbolism through the analysis of Hermetic writings. Lolita examines the metaphysical dimension of the world; her lyricism belongs to the world of symbols and archetypes, her investigations are interwoven with study of analytical psychology and philosophy.
Lolita Timofeeva’s work hangs in museums and private collections all over the world, such as the Thyssen-Bornemisza Collection (Madrid), Casal Solleric (Palma de Mallorca), Museo Internazionale di Ceramica (Faenza), Foreign Art Museum (Riga, Latvia), Biblioteca Nazionale di Firenze (Florence), Collezione Arturo Schwarz (Milan), the All-Russia State Library for Foreign Literature, VGBIL (Moscow), Fondazione La Verde La Malfa (Catania) and many others.
She has contributed articles to the following periodicals: “Ogoniok” of Moscow, “LMM” of Riga, “Zeta” of Udine, “Images Art & Life” of Modena. Her short stories have appeared in various collections: “Scarpe sciolte”, “Casamondo” and “Intrecci” published by Eks&Tra.

Opening hours
From Monday to Saturday 9.00 - 18.00
Sundays and holidays 9.00 - 14.00


Information and booking
Tel. +39 349 050 9273
Tel. +39 327 597 8850
kengarags@fastwebnet.it

lunedì 13 novembre 2017

Napoli. Casina Pompeiana. Conferenza “Arte visiva tra esoterismo, alchimia e simbolismo”

In occasione della mostra Opus Alchymicum di Lolita Timofeeva (Castel dell’Ovo, fino al 2 dicembre), il 18 novembre 2017, dopo una visita guidata alle ore 15 fatta dalla stessa artista che racconta le sue opere, alle ore 17.30, presso la Casina Pompeiana della Villa Comunale di Napoli, Maurizio Vanni e Claudio Spinelli parlano di Arte visiva tra esoterismo, alchimia e simbolismo. Il movimento dell’anima da Lascaux a Timofeeva, un’occasione per calarsi nella dimensione onirica di Lolita Timofeeva.

Cosa è un’opera d’arte visiva? È sufficiente una solida base culturale per poterne comprendere il significato? E se la percezione fosse legata alla dimensione dell’anima? E se tutte le opere d’arte contenessero riferimenti esoterici?

Questi sono solo alcuni dei quesiti che si affronteranno durante il dibattito, attraverso un racconto che prende in considerazione dimensioni percettive diverse rispetto a quelle convenzionali dei manuali di storia dell’arte. All’incontro sarà presente anche il Console Onorario della Lettonia a Napoli Roberto Berni Canani.

L’incontro del 18 novembre, inoltre, è un modo per ricordare i 100 anni di indipendenza della Repubblica di Lettonia che saranno celebrati esattamente tra un anno, il 18 novembre 2018.

Maurizio Vanni
Museologo, Critico e Storico dell’arte, specialista in Marketing museale. Attualmente è Direttore Generale del Lu.C.C.A. - Lucca Center of Contemporary Art, Professore ordinario di Museologia e Marketing museale all’Università di Buenos Aires (Argentina), Docente di Advanced Marketing alla Facoltà di Economia di Roma Tor Vergata, Docente di Marketing delle Arti e della Cultura presso il Conservatorio Boccherini di Lucca. Curatore di eventi, tra mostre e progetti legati alla museologia e al marketing museale in oltre sessanta musei di trenta Paesi del mondo e ha tenuto conferenze, seminari e corsi di specializzazione in quaranta università internazionali. Ha al suo attivo oltre 200 pubblicazioni.

Claudio Spinelli
Professore ordinario di Chirurgia Pediatrica e infantile all’Università di Pisa, è appassionato di arte e di pittura, autore di opere esposte in diverse mostre personali – a Milano nel contesto dell’Expo 2015, nel Lu.C.C.A. Museum nel 2016 – e che fanno parte di importanti collezioni private.
Tiene conferenze e seminari su temi legati alle arti visive.
È Direttore della Scuola di Specializzazione in Chirurgia Pediatrica e della sezione Dipartimentale Universitaria di Chirurgia Generale Pediatrica, Adolescenziale e Giovani adulti. Autore di oltre 500 pubblicazioni scientifiche e diversi libri.


Info: T. +39 327 597 8850   kengarags@fastwebnet.it

domenica 12 novembre 2017

Con occhi nudi. Un itinerario al femminile


Altre Velocità e Centro delle donne Città di Bologna/Biblioteca Italiana delle Donne in collaborazione con Emilia Romagna Teatro Fondazione/Arena del Sole, propongono Con occhi nudi un percorso attraverso una selezione di spettacoli della stagione teatrale dell’Arena, libri e altre risorse disponibili in biblioteca e le riflessioni condivise che emergeranno nei diversi momenti di confronto tra i partecipanti.

L’idea è di creare dei sentieri di conoscenza attorno a opere teatrali che abbiano una vocazione al femminile per tematiche affrontate, riferimenti bibliografici, artiste coinvolte (attrici, drammaturghe,
registe, etc.) per accendere una luce sui ruoli femminili, mettendo in relazione fra loro spettacoli, letture di testi e riflessioni condivise.

Calendario

Dal 21 al 26 novembre 2017- Arena del Sole, Via Indipendenza 44 Bologna
IL CIELO NON E’ UN FONDALE di Daria Deflorian, Antonio Tagliarini
con Francesco Alberici, Daria Deflorian, Monica Demuru, Antonio Tagliarini
  • 28 novembre ore 18 - 20 incontro Biblioteca Italiana delle Donne, Via del Piombo 5

Dal 14 al 17 dicembre 2017 - Arena del Sole, Via Indipendenza 44 Bologna
MEDEA di Euripide, traduzione Umberto Albini, regia di Luca Ronconi ripresa da Daniele Salvo
con Franco Branciaroli e Antonio Zanoletti, Alfonso Veneroso, Tommaso Cardarelli, Livio Remuzzi, Elena Polic Greco, Elisabella Scarano, Serena Mattace Raso, Arianna Di Stefano, Francesca Mària, Odette Piscitelli e Alessandra Salamida, Raffaele Bisegna e Matteo Bisegna.
  • 19 dicembre ore 18 -20 incontro Biblioteca Italiana delle Donne, Via del Piombo 5

Dal 20 al 22 gennaio 2018  - Arena del Sole, Via Indipendenza 44 Bologna
ATLAS DES KOMMUNISMUS regia Lola Arias con Salomea Genin, Monika Zimmering, Ruth Reinecke, Mai-Phuong Kollath, Tucké Royale, Jana Schlosser, Helena Simon, Matilda Florczyk
  • 24 gennaio ore 18 -20 incontro Biblioteca Italiana delle Donne, Via del Piombo 5

Per informazioni e iscrizioni bibliotecadelledonne@women.it e altrevelocita@gmail.com
::::
Con occhi nudi è un progetto di Altre Velocità per Centro delle Donne Città di Bologna/Biblioteca Italiana delle Donne che si realizza grazie alla collaborazione con il Teatro Arena del Sole/ERT Emilia Romagna Fondazione.

Altre Velocità è un gruppo di giornaliste/i e critici delle arti sceniche, impegnato a favorire un tessuto di relazioni fra le arti e la società contemporanea, guardando al teatro e alla danza di ricerca, agli artisti emergenti e al contesto internazionale. Da oltre dieci anni si occupa di “spettatorialità” in relazione al fare critico con approfondimenti su carta stampata, web e radio, laboratori di scrittura critica, seminari e incontri, occasioni di confronto fra spettatori, artisti e operatori per Teatri, festival, enti. Si occupa da alcuni anni di formazione del pubblico adolescente a teatro. Altre Velocità è sostenuta dal MIBACT – Ministero dei Beni per le attività culturali per il progetto Crescere spettatori nel triennio 2015/2017. E' inoltre sostenuta dalla Regione Emilia-Romagna, dalla Fondazione del Monte di Bologna e Ravenna e dal Comune di Bologna.
Biblioteca Italiana delle Donne
Via del Piombo 5 | tel. +39 051 4299 411

lunedì 6 novembre 2017

Opus Alchymicum al Castel dell’Ovo a Napoli. 100 opere di Lolita Timofeeva per i 100 anni di indipendenza della Lettonia

di Elisabeth Thatcher

È una grande mostra personale di Lolita Timofeeva nella splendida cornice del Castel dell’Ovo a celebrare a Napoli i 100 anni di indipendenza della Repubblica di Lettonia. L’Ambasciatore lettone Artis Bertulis all’inaugurazione ha sottolineato come l’Italia  fu una delle prime a riconoscere la sua autonomia nel 1921.
“Opus Alchymicum” dell’artista lettone crea i collegamenti tra Napoli e Riga attraverso la rielaborazione dei simboli alchemici. La ricerca di Lolita inizia  a Napoli, quando visitando nel 2005 la Cappella Sansevero decide di avvicinarsi al pensiero ermetico di Raimondo di Sangro (Torremaggiore, 1710 – Napoli, 1771), settimo principe di Sansevero, inventore, alchimista e letterato, geniale ideatore del nobiliare mausoleo. Le origini di questa sua indagine però si trovano in Lettonia: l’architettura di Riga, città natale dell’artista, è ricca di simboli alchemici e forse proprio lì si cela il seme della sua curiosità intellettuale, da lì parte la ricerca, in origine  inconscia e inconsapevole della Timofeeva che confida di essere stata affascinata sin dall’infanzia da quel linguaggio criptico.
Opus Alchymicum è un progetto espressivo che invita il pubblico ad esplorare le proprie inclinazioni mistiche – “Nosce te ipsum” (dal latino, “conosci te stesso”) – attraverso lo strumento dell’introspezione, rintracciando, in questa esplorazione, il senso più alto dell’alchimia e del complesso sistema che ne sottintende le logiche. L’obiettivo principale degli alchimisti - la trasformazione del piombo in oro - ha un significato paradigmatico, evocativo, giacché allude alla capacità di convertire il male in bene, il negativo in positivo, l’ombra in luce, così che l’uomo possa scoprire la propria natura, il proprio dio interiore, e conoscere se stesso, appunto.
A tal proposito, Lolita Timofeeva dichiara: “Il termine Opus Alchymicum fa riferimento al lavoro svolto dagli alchimisti medievali, i precursori della chimica moderna, relativo allo scopo definitivo della loro ricerca, il cui fine era quello di produrre “l’oro della illuminazione mistica”, ovvero ciò che li stimolava ad approfondire lo studio dell’arte”.
"Solve et Coagula" Formula alchemica per eccellenza, mezzo che gli alchimisti usavano per evolvere e rigenerare se stessi. Solve: rottura degli elementi, dissolvenza delle forzature, degli stati negativi del corpo e della mente per giungere mediante la ripetizione dell'operazione alla Pietra Filosofale. Coagula: coagulazione degli elementi dispersi nel tutto nella fase "solve", la nuova sintesi degli elementi.
Questo processo si potrebbe applicare alla tormentata storia della Lettonia che come Araba Fenice muore e dalle sue  stesse ceneri rinasce. Dal XIII secolo al XX secolo, la storia della Lettonia è contraddistinta da lunghi periodi di dominazione straniera e da continue lotte per l'indipendenza.
La mostra porta per la prima volta nella città partenopea circa 100 opere tra dipinti, disegni, sculture, installazioni e un film corto. Colori vivi, atmosfere cupe e personaggi suggestivi delineano ogni opera dell’esposizione. Tempo e spazio si legano, sospesi nel silenzio, trasportando lo spettatore in una dimensione surrealistica. Nelle sue opere - attraverso le quali l’artista crea un percorso, coinvolgendo il pubblico in una performance scrittoria - la Timofeeva assume di volta in volta le sembianze di una solenne sacerdotessa, dispensatrice di linfa vitale e ricercatrice dell’assoluto.

In concomitanza della mostra, inoltre, due eventi permetteranno di calarsi nella dimensione onirica propria di Lolita Timofeeva: presso la Casina Pompeiana della Villa Comunale il 18 novembre (ore 17.30) si terrà la conferenza “Arte visiva tra esoterismo e simbolismo. Il movimento dell’anima da Lascaux a Timofeeva” col museologo e storico dell’arte Maurizio Vanni e il professor Claudio Spinelli, alla presenza del Console Onorario della Lettonia a Napoli Roberto Berni Canani; il 2 dicembre (ore 17.30), invece, ci sarà la presentazione di Agnese Palumbo del libro Schischok, scritto dal collettivo Joana Karda (del quale fanno parte la stessa artista e le autrici Claudia Mitri e Vanessa Piccoli).

Breve storia della Lettonia.
Stretto tra Russia, Germania e Svezia il Paese ha avuto una strada lunga e difficile verso la libertà. I primi dominatori di questa terra furono gli Svedesi a metà del XVI secolo cui seguì la lunga dominazione russa iniziata nel 1710 e protratta fino alla prima indipendenza nel 1918 (il 18 novembre). Durante la Prima guerra mondiale, invece, la Lettonia fu occupata dalla Germania.
Negli anni ’20-’30 la Lettonia diviene un moderno Stato occidentale contraddistinto da libertà democratiche, tra cui il diritto di voto alle donne dal 1905, un’economia sviluppata e un livello di istruzione tra i più alti d’Europa.
Durante il secondo conflitto mondiale, la Lettonia è occupata dall'URSS e nel mese di luglio 1941 le truppe naziste entrano a Riga. Nel 1944, quasi al termine della guerra, la Germania si ritira e i Sovietici mantengono il controllo sul territorio lettone. Durante il periodo sovietico, il popolo lettone è riuscito orgogliosamente a conservare una propria identità linguistica e culturale.
Il 21 agosto del 1991, durante il colpo di stato a Mosca, la Lettonia finalmente dichiara restaurata la Repubblica indipendente e l’Italia, insieme alla Comunità Europea, riconosce di nuovo l’indipendenza della Lettonia e degli altri Paesi baltici.
La Lettonia può vantare grandi talenti di fama internazionale: Sergej Ėjzenštejn - illuminato regista de “La corazzata Potëmkin”, il ballerino Michail Baryšnikov , il pittore Mark Rothko,il violinista e direttore d'orchestra Gidon Kremer. Sono tanti i pittori lettoni che hanno trovato l’ispirazione proprio in Italia, tra i quali Ludolfs Liberts, Eduards Kalniņš,  Niklāvs Strunke.

Dal 27 Ottobre 2017 al 02 Dicembre 2017
Castel dell’Ovo
Via Eldorado, 3, 80132 Napoli NA

Orario apertura
Dal lunedì al sabato 9.00 – 18.00
Domenica e festivi 9.00 – 13.30

Informazioni e prenotazioni
T. +39 349 050 9273
T. +39 327 597 8850
kengarags@fastwebnet.it

lunedì 30 ottobre 2017

Per celebrare i 100 anni di indipendenza della Lettonia Opus Alchymicum di Lolita Timofeeva a Napoli


Dal 27 ottobre al 2 dicembre 2017 al Castel dell’Ovo

La mostra Opus Alchymicum, con il patrocinio dell’Ambasciata della Repubblicadella Lettonia in Italia e del Consolato Onorario della Lettonia a Napoli, è organizzata da Kengarags in collaborazione con l’Assessorato alla Cultura e Turismo del Comune di Napoli e alla Fondazione La Verde La Malfa.
Presentazione critica di Giorgio Agnisola.
La mostra vede come sponsor Fondazione La Verde La Malfa, ITALò, Occitane Voyages, Berengo Studio ed Enhars.

Metamorfosi della sirena del 2017 di Lolita Timofeeva

L’evento espositivo - che si inserisce nell’ambito delle celebrazioni per i 100 anni di indipendenza della Repubblica di Lettonia (che si festeggerà il 18 novembre 2018) - porta per la prima volta nella città partenopea circa 100 opere tra dipinti, disegni, sculture, installazioni e un film corto che sono la testimonianza espressiva di un’idea nata durante il primo viaggio dell’artista a Napoli (nel 2005), quando visita la Cappella Sansevero e decide di avvicinarsi al pensiero ermetico di Raimondo di Sangro (Torremaggiore, 1710 – Napoli, 1771), settimo principe di Sansevero, inventore, alchimista e letterato, geniale ideatore del nobiliare mausoleo. Affascinata dall’aspetto esoterico della Cappella Sansevero, Lolita Timofeeva sviluppa un nuovo spunto creativo, una conoscenza più profonda del suo essere grazie a un’autoanalisi delle immagini del sogno, dell’incubo e dell’allucinazione.
Colori vivi, atmosfere cupe e personaggi suggestivi delineano ogni opera dell’esposizione. Tempo e spazio si legano, sospesi nel silenzio, trasportando lo spettatore in una dimensione surrealistica. La ricerca di modelli e di ambienti misteriosi aperti al silenzio dell’oltre, identifica un linguaggio di una vita interrogativa, uno sguardo rivolto ai limiti e alle ragioni dell’esistere dell’artista.
Nonostante Lolita trasmetta una forte carica emotiva e del sottile erotismo nelle sue opere, la ricerca che emerge non è emotiva ma metodica, come un’espressione sviluppata per gradi in contesti e capitoli variabili, in cui la fine di un percorso favorisce l’inizio di un altro, stimolando una comunicazione interpersonale.

Installazione "E quando non sarò più a distillare mio tempo" di Lolita Timofeeva

Nelle sue opere - attraverso le quali l’artista crea un percorso, coinvolgendo il pubblico in una performance scrittoria - la Timofeeva assume di volta in volta le sembianze di una solenne sacerdotessa, dispensatrice di linfa vitale e ricercatrice dell’assoluto.
Opus Alchymicum è quindi un progetto espositivo che invita il pubblico a esperire la propria dimensione mistica, a un “Nosce te ipsum” (dal latino, “conosci te stesso”), non da punto di vista religioso né mistico, ma intensamente introspettivo. Ed è proprio questo il vero senso dell’alchimia e del pensiero ermetico. L’alchimia, infatti, non si proponeva di risolvere un problema chimico, bensì spirituale.
 “Il termine Opus Alchymicum - come dichiara la Timofeeva - fa riferimento al lavoro svolto dagli alchimisti medievali, i precursori della chimica moderna, relativo allo scopo definitivo della loro ricerca, il cui fine era quello di produrre “l’oro della illuminazione mistica”, ovvero ciò che li stimolava ad approfondire lo studio dell’arte”. Una vera rivoluzione concettuale, quindi, nata per dar risposta a certi stimoli in modo reattivo e interattivo.


La grande mostra allestita nel Castel dell’Ovo rappresenta perciò una tappa significativa di questo viaggio umano e spirituale, in cui emergerà la dimensione meno visibile e conosciuta della città.  Non sarà infatti la Napoli solare e passionale che conosciamo, ma quella più nascosta e sotterranea, come riaffiora nella Cappella Sansevero.

giovedì 14 settembre 2017

Волшебный фонарь



Библиотека Алексея Толстого в Москве и Творческое объединения AGORApro
Программа « Художник и слово»
                                           

ВЫСТАВКА
«По улицам оставленной Москвы….»
                             Марина Цветаева
                                                          
«Волшебный фонарь»
125- летию Марины Цветаевой посвящается
 Авторский дизайн. Коллекция платков, посвященная русским писателям и поэтам
Текстильной линии Anna Tolstikova

В программе вернисажа:
Торжественное открытие выставки
Песни М.Таривердиева, А.Петрова, М.Минкова на стихи М.Цветаевой
Интерактивные чтения стихов М.Цветаевой с участием публики
Песни исполняет Юлия Анищенко (сопрано)
Партия фортепиано Юлия Гомзикова
17 сентября 2017 года 16.00 Арт-салон библиотеки
Выставка продлится до 22 октября 2017 г.

lunedì 15 maggio 2017

Выставка Людмилы Григорьевой – Семятицкой «Как слово наше отзовется…»


21 мая 2017 года в Центральной библиотеке имени Алексея Толстого открылась выставка известного московского художника Людмилы Григорьевой – Семятицкой «Как слово наше отзовется…». Выставка подготовлена в рамках программы библиотеки «На небосводе русской поэзии» и приурочена 125-летию рождения Марины Цветаевой, ярчайшему поэту Серебряного века русской литературы. Красной нитью в концепции выставки подчеркивается идея творческой эстафеты , принятой русскими поэтами начала ХХ века от представителей Золотого века великой русской литературы. Так в заглавной части выставки представлены портреты А.С.Пушкина, В.А.Жуковского, М.Ю. Лермонтова и, конечно, Ф.И.Тютчева, строкой из стихотворения которого и названа эта выставка:
«Нам не дано предугадать,
Как слово наше отзовется.
И нам сочувствие дается,
Как нам дается благодать».

Работы художника выполнены в технике рваной бумаги и отличаются необычайной выразительностью и достоверностью психологических портретов поэтов, глубоким проникновением в смысл их творчества, и, что самое главное, любовью к русской поэзии.