domenica 6 settembre 2020

“Unbreakable: Woman in Glass” alla Fondazione Berengo

Installazione OPUS di Lolita Timofeeva

 
Nell'ambito di The Venice Glass Week 2020
Dal 05 Settembre 2020 al 07 Gennaio 2021 
Fondazione Berengo Art Space 
Campiello Della Pescheria, Fondamenta dei Vetrai, Murano (VE)   
A cura di Nadja Romain e Koen Vanmechelen
  
L’esposizione “Unbreakable: Woman in Glass” è un’iniziativa incoraggiante per le donne in arte, una mostra con cui Adriano Berengo ha voluto omaggiare la creatività delle artiste insieme alle quali ha costruito il suo percorso personale che è diventato anche collettivo: elevare la materia di vetro da manufatto artigianale ad arte pura. Negli ultimi trent’anni ha coinvolto più di sessanta creative da tutto il mondo  che possono vedere le proprie opere esposte insieme e pensare all’energia straordinaria che sprigionano accomunate da un progetto così ambizioso.
È vero che nell’ambiente dell’arte il percorso per le donne è molto più faticoso e pieno di ostacoli rispetto a quella degli uomini, ed è vero anche che Berengo, come pochi altri, ha sempre reso complici le donne dei suoi progetti.
Negli ultimi due secoli i movimenti femminili hanno fatto tantissimo per cambiare la condizione della donna, ma non è abbastanza per raggiungere una reale emancipazione. Per trasformare le nostre società le donne hanno bisogno di avere accanto  uomini capaci di manifestare con le proprie azioni  la loro volontà di sostegno all'universo femminile. La mostra “Unbreakable: Woman in Glass” rappresenta chiaramente questa volontà.
“E’ arrivato il tempo di ricorrere a icone mitiche - opere d'arte fonte di ispirazione firmate da donne - in modo che la storia non possa più essere defraudata. L'invisibilità e la trasparenza del vetro danno forma a una nuova generazione che provvede a guarire le cicatrici della storia" - scrive curatore Koen Vanmechelen.
““Unbreakable. Women in glass” è allo stesso tempo una metafora, un paradosso e un simbolo. Una proposta provocatoria di Adriano Berengo per esplorare il rapporto che le donne hanno con il vetro nel cuore di Murano” afferma la curatrice Nadja Romain.
Curatori Koen Vanmechelen e Nadja Romain, photo credit Massimo Pistore

 

Nessun commento:

Posta un commento